INDUSTRIA 4.0

Cos’è

Il Piano Transizione 4.0 è la nuova politica industriale del Paese, più inclusiva e attenta alla sostenibilità.

In particolare, il Piano mira a supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio italiano.

Agevolazioni fiscali per beni strumentali materiali

A tutte le imprese che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio italiano è riconosciuto un credito d’imposta per beni strumentali materiali (allegato A, legge 11 dicembre 2016, n. 232 – ex Iper ammortamento) tecnologicamente avanzati alle seguenti condizioni:

  • 40% del costo per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro
  • 20% del costo per la quota di investimenti oltre i 2,5 milioni di euro e fino al limite di costi complessivamente ammissibili pari a 10 milioni di euro
  • 10% del costo per la quota di investimenti tra i 10 milioni di euro e fino al limite di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro.

 

Tempistiche e scadenze

Il credito d’imposta è applicabile ad investimenti effettuati a decorrere dal 16 novembre 2020 e fino al 31 dicembre 2022, ovvero entro il 30 giugno 2023, a condizione che entro la data del 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20 % del costo di acquisizione.

 

Requisiti

Per accedere alle agevolazioni i beni debbono soddisfare tutte e cinque le caratteristiche già previste dai piani INDUSTRIA 4.0 e IMPRESA 4.0:

  • Controllo per mezzo di centraline
  • Interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con scambio d’informazioni
  • Integrazione automatizzata con il sistema logistico della fabbrica o con la rete di fornitura e/o con altre macchine del ciclo produttivo
  • Interfaccia fra uomo e macchina semplice e intuitiva
  • Rispondenza ai più recenti parametri di sicurezza, salute e igiene del lavoro

Inoltre, i beni debbono anche rispondere ad almeno due tra le seguenti caratteristiche:

  • Sistemi di telemanutenzione e/o telediagnosi e/o controllo in remoto
  • Monitoraggio continuo delle condizioni di lavoro
  • Caratteristiche di integrazione tra macchina fisica e/o impianto con la modellizzazione e/o la simulazione del proprio comportamento nello svolgimento del processo”

 

Documentazione

La documentazione necessaria – e che si è tenuti a conservare – per avvalersi del credito d’imposta e determinare l’effettivo diritto alle agevolazioni è la seguente:

  • Fatture e altri documenti d’acquisto
  • Attestazione di conformità rilasciata dal venditore
  • Attestato di avvenuta interconnessione
  • Perizia tecnica (vedasi paragrafo seguente)

La documentazione dovrà essere fornita e consegnata al Ministero dello Sviluppo Economico. Sarà il MISE ad effettuare le opportune verifiche e autorizzare la fruizione del credito d’imposta.

 

Perizia

Rimane obbligatoria per i macchinari del valore superiore ai 300.000€, ma fortemente consigliata anche per i macchinari del valore inferiore a 300.000€. In quest’ultimo caso è necessaria la dichiarazione del legale rappresentate del soddisfacimento dei requisiti dell’allegato a.

La perizia deve essere asseverata (non è necessario che sia giurata) e rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali o da un ente di certificazione accreditato.

 

I nostri prodotti Industria 4.0 completi di relativa perizia tecnica:

VAR – Da VAR 4-250 a VAR 12-400
PAS – Gamma completa
Pompe centrifughe vuotoassistite
WEL – Gamma completa
PAC – Gamma completa

Contattaci

    * Campo obbligatorio